Image default
Angolo dell'esperto

Consumo del vino, la rivoluzione è terminata

Consumo del vino, la rivoluzione è terminata

LO SFUSO DESTINATO A DIVENTARE UN RICORDO, LE NUOVE GENERAZIONI CHE VEDONO IL VINO SEMPRE PIU’ LONTANO DAL CIBO. INSOMMA: NON E’ TUTTO ORO QUELLO CHE LUCCICA

Ricordate – o magari lo avete ben presente – il pensionato che va a riempire il boccione dal produttore sotto casa, utilizzando magari quell’inquietante pompa identica a quella della benzina? Bene, fategli pure ciao con la manina. Nel caso vi manchi, beninteso.

Quella forma di consumo è destinata – almeno così concordano tutti gli indicatori e osservatori professionali – ad esaurirsi molto velocemente, a dileguarsi insieme alla generazione di chi adesso è over 70.

Il futuro di cui si parlava tanto una decina di anni fa? Si è avverato.

La rivoluzione è terminata. Consumi in calo (negli anni ’70 in Italia si beveva più o meno il triplo di oggi) da una parte, estetizzazione del vino dall’altra, diventato argomento di discussione, rifugio intellettualistico (ma spesso intellettualoide), status symbol. Anzi: status symbol è sempre stato, sin dai simposi romani.

Ok, ma le orde di appassionati usciti dal corso di degustazione si ricordano che il posto del vino è a tavola? Che la degustazione è – certamente – propedeutica al bere, ma proprio per questa ragione non la annulla? Che il super Barolo da 50 € vuole un bel pezzo di carne, a tavola con gli amici, e non è strumento per imporre la propria vanità al tavolo passando la serata a girarlo nevroticamente nel bicchiere?

Ancora, e soprattutto: che per bere bene (bene) bastano – se si sa cercare – anche solo 7-8 €?

Io ho i miei dubbi. Insomma: la rivoluzione è terminata, è stata senz’altro attuata. Ma non è tutto oro quello che luccica. La simbolizzazione del vino è stata spinta troppo avanti, a causa spesso anche della scarsa preparazione di molti attori del mondo del giornalismo di settore. Ora è tempo di ridare al volto dell’unico alimento che l’uomo ha sacralizzato un filino di umanità persa per strada.

Francesco Annibali

Related posts

L’azoto in cucina

Eno

L’anice, una famiglia di piante per un mondo di distillati

Eno

IL PRIMO CORSO DI FORMAGGI ON LINE

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More