Image default
Angolo dell'esperto

L’appassionato e l’ansia da analogia

L’appassionato e l’ansia da analogia

L’ansia da analogia? E’ la trasposizione in ambito gourmet dell’ansia da prestazione. Ma per apprezzare un vino non è necessaria (e nemmeno sufficiente)

Banana, ananas, con sottofondo di giglio, pane fresco dell’alto cosentino, fragoline di bosco, vernice per muri e tabacco da pipa Latakia“. Non ditemi che non lo avete mai sentito.

degustazione di vino professionale

Aspetto, quello della ricerca dell’analogia, irto di difficoltà e pieno di fascino, ma che gli appassionati tendono a sopravvalutare. Più importante, molto più importante riconoscere i difetti (questo sì essenziale) e valutare la rispondenza al vitigno e al territorio del vino che si assaggia.

Senza dimenticare che il vino è fatto per essere bevuto. Quindi, datemi retta: la prossima volta che vi trovate di fronte ad una buona bottiglia non preoccupatevi: se non avete voglia di stare a cercare il profumo di tabacco Latakia, non lo fate.

Vi divertirete lo stesso.

Francesco Annibali

Related posts

LA CUCINA IN MOVIMENTO

Eno

Quinta edizione di Prim’olio

Fabio Fabiani

Che buone le castagne…ma il novello lasciamolo stare!

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More