Moscato d’Asti

by Eno 0

vino moscato d'asti

Il VINO MOSCATO D’ASTI D.O.C.G.

Il moscato d’Asti ha ottenuto il riconoscimento D.O.C.G. con D.M. 29 novembre 1993, modificato con D.M. 14 agosto 1995

Il moscato d’Asti è un tipico vino piemontese la cui produzione nel Monferrato e nelle Langhe si può far risaliere già nel lontano 1200.
La produzione avviene principalmente nelle province di Alessandria, Asti e Cuneo e si usano esclusivamente le uve di Moscato bianco.
La denominazione Asti senza altra indicazione o accompagnata dalla specificazione spumante (“Asti” o “Asti Spumante”) è riservata alla tipologia di vino spumante, mentre la stessa denominazione preceduta dalla specificazione moscato, “Moscato d’Asti” è riservata al vino bianco non spumante.

Specifiche del moscato d’Asti D.O.C.G.

Il moscato d’Asti deve essere prodotto esclusivamente con uve moscato bianche, la resa massima per ettaro di terreno deve essere di 100 quintali con una resa di uva in vino del 75%, la gradazione alcolica minima è di 11°

Caratteristiche organolettiche del moscato d’Asti

Il moscato d’Asti è un vino dall’aspetto brillante con un colore giallo paglierino più o meno intenso.
Ha un profumo fragrante molto caratteristico ed un sapore dolce, aromatico, caratteristico, talvolta vivace o frizzante.

Abbinamenti preferiti per il moscato d’Asti

Indubbiamente il moscato d’Asti è il vino da dessert italiano per eccellenza.
Ottimo con i dolci con frutta, dolci e pasticcini con crema,soufflé di mele e tradizionalmente con il panettone.
“Asti” e “Moscato d’Asti” si abbinano perfettamente con tutte le torte e la pasticceria fresca e secca.
Nella nostra regione il Moscato entra a far parte degli ingredienti dello zabaione al posto del tipico marsala

Leave a Reply