Image default
news slide Vini

Per l’Alta Langa DOCG 2018 numeri da record

L’ALTA LANGA DOCG CHIUDE IL 2018 CON 1.300.000 BOTTIGLIE

Sono 1.500  i quintali di uva Pinot Nero e Chardonnay raccolti nel 2018, per una produzione totale di 1.300.000  bottiglie di Alta Langa Docg  2018.
Le troveremo sul mercato a partire dal 2021.
La bella vendemmia 2018 soddisfa a pieno le aspettative del Consorzio Alta Langa che chiude così in bellezza un anno strepitoso.
“A conclusione del mandato triennale – commenta il presidente del Consorzio Giulio Bava – consegniamo al futuro nuovo consiglio di amministrazione un Alta Langa che ha raggiunto il primo importante obiettivo che si era posto: il superamento del milione di bottiglie. Una crescita seguita con attenzione, con la programmazione dell’aumento dei vigneti e delle aziende produttrici, nel rispetto dei tempi della natura e del lungo affinamento dei vini in bottiglia”.
Aumenta anche la superficie vignata che arriverà a 350 ettari a differenza dei attuali 280.
Nella provincia di Asti (130), quella di Cuneo (130) e quella di Alessandria (20).
“L’Alta Langa è un vino di qualità che non ammette scorciatoie e vede la collaborazione di tutta la filiera produttiva, con i viticoltori in primo piano – prosegue Giulio Bava -. Il prossimo obiettivo è rappresentato dai 3 milioni di bottiglie non appena i 350 ettari saranno completi e in produzione”.
Diverse le iniziative coma Official Sparkling Wine; alla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba e, in settembre, all’evento Slow Food Terra Madre – Salone del Gusto ha impegnato il Consorzio delle alte bollicine piemontesi.
L’impegno non si è fermato ad eventi importanti come quelli già citati, ma il 2018 è stato caratterizzato dall’apertura delle Terrazze Alta Langa una nel  Castello di Moasca in collaborazione con il ristorante “Tra la Terra e il Cielo”, l’altra più recente ad Alba, al “100 VINI caffè la brasilera”.
Il Consorzio di tutela ha anche creato,  un proprio evento dedicato al mondo dell’horeca, ai giornalisti di settore e opinion leader: “La Prima dell’Alta Langa”, una interessante degustazione di tutte le cuvée del Consorzio, il Castello di Grinzane Cavour è stato il luogo scelto e ha registrato il tutto esaurito.
Si stà già lavora alla prossima edizione dell’evento, che si terrà nel  2019 a marzo.

L’ALTA LANGA DOCG , LA STORIA

L’Alta Langa Docg è lo spumante brut del Piemonte per eccellenza.
Fu il primo metodo classico a essere prodotto in Italia, fin dalla metà dell’Ottocento, nelle “Cattedrali Sotterranee” oggi riconosciute Patrimonio dell’Umanità Unesco.
È prodotto da uve Pinot Nero e Chardonnay, in purezza o insieme in percentuale variabile; può essere bianco o rosé, brut o pas dosé.
Come prevede il disciplinare: ha lunghissimi tempi di affinamento sui lieviti, con un tempo minimo di almeno 30 mesi.
L’Alta Langa è solamente un  millesimato, riporta cioè sempre in etichetta l’anno della vendemmia.
L’Alta Langa bianco ha sfumature da giallo paglierino a oro intenso e aromi che ricordano la frutta bianca e gli agrumi con sentori di crosta di pane. Al palato è armonico, caratterizzato da una delicata sapidità.
L’Alta Langa rosé ha un colore rosa cipria o più marcato quando è giovane, l’intensità aromatica tipica del Pinot Nero, con profumi che spaziano dal pompelmo alle spezie, un gusto fruttato, equilibrato, ampio e lungo.

Related posts

ROMA BEER FESTIVAL 2018

Carlo Ricolo

L’imperiosa ascesa del Montepulciano d’Abruzzo

Eno

Vini aromatizzati, un piccolo regno lontano dalla passione enofila

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More