Image default
Angolo dell'esperto Vini

Vini aromatizzati, un piccolo regno lontano dalla passione enofila (2° parte)

(1° parte)

Vini aromatizzati, un piccolo regno lontano dalla passione enofila (2° parte)

IL BAROLO CHINATO

Cosa, però, che non succede al grande Barolo Chinato, versione aromatizzata, e fortificata, del re dei vini italiani.

Caratterizzato, in opposizione al vermouth, da una produzione artigianale e da un mercato che più di nicchia non si può, il Barolo Chinato coniuga la struttura, la complessità e l’austerità tipiche della versione “normale” del vino, alla eterea ed inebriante dolcezza dei migliori digestivi.

La produzione prevede che il vino base sia Barolo a tutti gli effetti (anche nell’invecchiamento in legno, dunque), cui vengono aggiunti alcol, zucchero e aromi (prevalentemente china, ma anche alloro, chiodi di garofano, cannella, e a volte anche menta piperita.

Visti gli ingredienti di partenza, il prezzo del Barolo Chinato non è mai amichevole.

Ma quali sono i natali di questa specialità?

Il Barolo Chinato di Cappellano, uno dei produttori migliori

LA NASCITA DEL BAROLO CHINATO

Per scoprirlo occorre fare un salto in epoca risorgimentale, quando nasce il vino Barolo come lo conosciamo oggi: il grande enologo francese Louis Oudart suggerisce ai produttori langaroli di eliminare l’elevato residuo zuccherino che caratterizzava allora il più grande rosso italiano.

L’intento era appunto quello di utilizzare l’uva nebbiolo per fare un rosso secco e potente.

I produttori di allora seguirono il consiglio dell’enologo francese, ma la nostalgia li spinse a non abbandonare la pratica produttiva del Barolo dolce, continuando a destinare una parte dell’uva alla produzione di un grande digestivo, fortificato e aromatizzato, padre dell’attuale Barolo Chinato.

GLI ABBINAMENTI MIGLIORI PER IL BAROLO CHINATO

Per gustare al meglio il prodotto è ideale l’accompagnamento con del cioccolato, purchè amaro e di notevole forza aromatica, o un dessert ricco di cacao (idealmente una torta sacher).

Alcuni  appassionati di sigaro, infine, utilizzano il Barolo Chinato come alternativa ad un Porto, magari un Late Bottled Vintage di medio invecchiamento.

Quasi d’obbligo, in quest’ultimo caso, l’accostamento ad un sigaro cubano molto profumato.

Francesco Annibali

Please follow and like us:

Related posts

…Sa di tappo?!?

Eno

Vino Moscato di Pantelleria

sergio

Vino Gavi o Cortese di Gavi

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial