Image default
Angolo dell'esperto

Ostrega!

OSTRICHE E CHAMPAGNE, ABBINAMENTO PERFETTO

Il sapore iodato e metallico delle ostriche ama sì le bollicine. Ma non quelle secche

Provato mai ostriche e Champagne? Non ditemi che vi è piaciuto, non ci credo. Quello del mollusco più saporito con lo spumante più famoso è un abbinamento di prestigio nato a metà ‘800, periodo di massimo splendore commerciale del vino di Reims (se ci pensate, un pò tutti i manifesti della Belle Epoque sono infarciti di immagini di bottiglie scoppiettanti).

Quando però lo Champagne era sempre decisamente dolce.

champagne

Con gli anni la fisionomia della bollicina per eccellenza è cambiata – adesso lo Champagne è quasi sempre un vino decisamente secco, quelli dolci sono una rarità per appassionati – mentre l’abbinamento è rimasto. Ed è alquanto sbagliato: le note metalliche e iodate non vanno esaltate con altrettanta durezza, ma “avvolte” dentro un sapore più generoso.

Insomma: la prossima volta che avete delle ostriche al naturale, metteteci vicino un Moscato d’Asti bello freddo. Non ve ne pentirete.

Francesco Annibali

Related posts

Consumo del vino, la rivoluzione è terminata

Eno

L’anice, una famiglia di piante per un mondo di distillati

Eno

Come degustare il formaggio

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More