Image default
Angolo dell'esperto

Ogni vino ha il suo calice

Ebbene si, molti pensano che possedere una serie ci calici da vino con diverse forme e grandezze, sia inutile e dispendioso.
Effettivamente, tutti i corsi di degustazione vino, utilizzano il classico calice da vino per degustare qualsiasi vino, dai bianchi giovani ai rossi evoluti, fino ai passiti e alle bollicine.

Ma effettivamente servono o no?
Sicuramente servono per poter degustare in maniera ottimale ogni tipologia di vino.

IL CALICE IDEALE PER CIASCUN VINO

 

1- Calice comune da circa 400 cl di capacità, generalmente è il calice da vino più utilizzato per degustare ogni tipo di vino.
Ottimale per i vini bianchi, ma anche per i rossi giovani, leggermente panciuto, avendo poi la bocca leggermente stretta consente di indirizzare meglio i profumi al nostro naso.

2- Calice più basso e panciuto, adatto sia per i bianchi evoluti adatti ad invecchiamento, ma anche per degustare un brandy o cognac.
La sua ampia pancia consente di roteare e ossigenare bene il vino.

3- Calice da grande dimensione per rossi generici, sia giovani che un pò invecchiati.
Ampio respiro e grande volume per ossigenare e aprire il vino.

4- Calice classico da rossi evoluti come Barolo e Amarone, comunque adatto a qualsiasi vino rosso che ha bisogno di “aprirsi” dopo tanti anni passati in bottiglia.
L’ossigeno è necessario per consentire hai profumi evoluti ottenuti con la maturazione in bottiglia, di sprigionarsi al meglio, consentendo il degustatore di goderne a pieno.

5- Flute stretto e alto studiato per poter degustare al meglio ogni tipo di spumante.
La sua forma affusolata permette di concentrare al naso i profumi sprigionati dalle bollicine.

6- Piccolo tulipano di dimensioni minori per assaporare tutti i profumi evoluti dei vini passiti sia bianchi che rossi, ma ottimo per poter degustare grappe giovani o invecchiate.

Riassumendo: ogni vino ha il suo calice e se vogliamo godere appieno della magia dei profumi che ogni volta che stappiamo una bottiglia iniziamo ad immaginare il calice ideale nella nostra mente, consentendo così di soddisfare le nostre aspettative o addirittura di sorprenderci.

Se volete sapere come degustare al meglio il vostro vino leggete  Il decalogo del buon intenditore di vino

 

 

Related posts

Novembre, di vino nuovo non c’è solo il novello

Eno

Dolcetto, quel vino familiare così duttile a tavola

Eno

Poco ma buono”: Giovanni Basso svela i segreti del “Maceratino

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More