Image default
Angolo dell'esperto

Pesce e vino rosso, difficoltà e possibilità

ABBINARE PESCE E VINO ROSSO

 

UNO DEGLI ABBINAMENTI PIU’ CRITICATI E OSTEGGIATI. MA LE POSSIBILITA’ DI DIALOGO NON MANCANO

Lo so, lo so, la litania la conosco a memoria anche io – come tutti del resto. Il rosso con la carne, il bianco col pesce. E buonanotte.

Però, come in tutte le storie che si rispettano, c’è una complicazione, e nel nostro caso si chiama pesce azzurro. Una famiglia non scientificamente delimitata, ma che convenzionalmente comprende sardine, alici, sgombri, tonni, ricciole. I quali, a causa della quantità elevata di sangue nelle carni (provate a sventrare un sardina e poi date uno sguardo alle vostre dita) preferisce di gran lunga la struttura di un vino rosso.

sardoni scottadito

E la cottura arrosto – specie sui carboni ardenti, ma anche al forno – amplifica la questione.

Insomma: provate delle sardine in padella o uno sgombro bollito con un rosso giovane e di buona acidità (tipo Barbera d’Asti, Oltrepò Pavese Bonarda, COF Refosco) o un tonno cotto sui carboni con un rosso potente e concentrato ma con tannini morbidi (Rosso Conero, Montepulciano d’Abruzzo, Cannonau di Sardegna, Gioia del Colle Primitivo). Non ve ne pentirete!

Francesco Annibali

Related posts

Novembre, di vino nuovo non c’è solo il novello

Eno

Vino&Pizza, si può ffareee!

Fabio Fabiani

Consigli enoici per divertirsi a Natale senza attentare al conto in banca – 2° parte

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More