Image default
Angolo dell'esperto

Piccolo viaggio attorno ai vini del Sud Africa

VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEI VINI DEL SUD AFRICA, PARTE 1

 

I mondiali di calcio ai nastri di partenza sono una occasione per soddisfare le proprie curiosità su una nazione con un  ottimo presente enoico. E un grande passato

Parli del Sudafrica e spuntano i parchi. O magari il passato razzista, ma il vino, beh, quello no.

E invece è un errore. Visto che l’estremità meridionale del continente africano è un produttore tra i migliori al mondo, per di più con una storia gloriosa.

vitigno sudafrica

Ma scendiamo nel dettaglio.

Attorno alla metà del ‘600 i vini dolci di Constantia, piccolo comune agricolo a due passi da Città del Capo, erano reputati tra i maggiori del mondo, come adesso il Sauternes. La reputazione resta molto elevata, ma all’inizio del nuovo millennio solo tra gli esperti.

Ciò che è rimasta invariata nei secoli è la zona di produzione, concentrata in maggioranza attorno a Città del Capo, dove il vigneto gode di un clima mediterraneo molto caldo (analogo alla nostra Sardegna, per intenderci), più piovoso vicino alla costa, ma decisamente arido nell’interno (dove l’irrigazione è essenziale).

Molti i cambiamenti invece in fatto di vitigni.

Per la seconda parte clicca qui

Per la terza ed ultima parte del nostro viaggio enologico clicca qui

Related posts

Siamo al Bollito…

Eno

VinoVinoVino 2010 a Cerea (Verona)

Eno

L’appassionato e l’ansia da analogia

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More