Image default
Angolo dell'esperto

Consigli enoici per divertirsi a Natale senza attentare al conto in banca – 4° parte

SCELTA DEL VINO PER NATALE , PARTE 4

Oggi ce ne restiamo in Piemonte, terra di stratosferici vini rossi da invecchiamento, ma non solo, come accennavamo pochi giorni fa.

Vino aromatico frizzante dolce ottenuto dal mosto di moscato bianco parzialmente fermentato, il Moscato d’Asti nasconde sotto una fisionomia apparentemente semplice una eleganza innata e una piacevolezza immediata, diretta e purissima.

Questo vino straordinario – a nostro parere una delle perle dell’enologia italiana – può essere avvicinato sia ai dolci al cucchiaio che alla biscotteria, ma anche a formaggi freschi e cremosi, ostriche al naturale – dateci retta, siamo sobri! – e preparazioni speziate.

vitigno piemonte

Molti i produttori di sicuro affidamento, oggi vi consigliamo due autentici fenomeni: l’astigiano Paolo Saracco, e il langarolo Vajra.

Più vegetale e “dinamico” il primo, più speziato e dolce il secondo. Ma si tratta di questioni di lana caprina, quando si parla di piccoli grandi gioielli. Sui 12 euro, entrambi, in enoteca.

Stile: molto precisi, puliti, eccezionalmente fruttati.

Rapporto qualità prezzo: favorevole.

Reperibilità: buona.

In tavola: vedete sopra.

Related posts

Come stilare un listino prezzi : i dubbi di uno Chef

Eno

Uso dell’ azoto liquido in cucina

Eno

Siamo al Bollito…

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More