Image default
Angolo dell'esperto

Consumo del vino, la rivoluzione è terminata

Consumo del vino, la rivoluzione è terminata

LO SFUSO DESTINATO A DIVENTARE UN RICORDO, LE NUOVE GENERAZIONI CHE VEDONO IL VINO SEMPRE PIU’ LONTANO DAL CIBO. INSOMMA: NON E’ TUTTO ORO QUELLO CHE LUCCICA

Ricordate – o magari lo avete ben presente – il pensionato che va a riempire il boccione dal produttore sotto casa, utilizzando magari quell’inquietante pompa identica a quella della benzina? Bene, fategli pure ciao con la manina. Nel caso vi manchi, beninteso.

Quella forma di consumo è destinata – almeno così concordano tutti gli indicatori e osservatori professionali – ad esaurirsi molto velocemente, a dileguarsi insieme alla generazione di chi adesso è over 70.

Il futuro di cui si parlava tanto una decina di anni fa? Si è avverato.

La rivoluzione è terminata. Consumi in calo (negli anni ’70 in Italia si beveva più o meno il triplo di oggi) da una parte, estetizzazione del vino dall’altra, diventato argomento di discussione, rifugio intellettualistico (ma spesso intellettualoide), status symbol. Anzi: status symbol è sempre stato, sin dai simposi romani.

Ok, ma le orde di appassionati usciti dal corso di degustazione si ricordano che il posto del vino è a tavola? Che la degustazione è – certamente – propedeutica al bere, ma proprio per questa ragione non la annulla? Che il super Barolo da 50 € vuole un bel pezzo di carne, a tavola con gli amici, e non è strumento per imporre la propria vanità al tavolo passando la serata a girarlo nevroticamente nel bicchiere?

Ancora, e soprattutto: che per bere bene (bene) bastano – se si sa cercare – anche solo 7-8 €?

Io ho i miei dubbi. Insomma: la rivoluzione è terminata, è stata senz’altro attuata. Ma non è tutto oro quello che luccica. La simbolizzazione del vino è stata spinta troppo avanti, a causa spesso anche della scarsa preparazione di molti attori del mondo del giornalismo di settore. Ora è tempo di ridare al volto dell’unico alimento che l’uomo ha sacralizzato un filino di umanità persa per strada.

Francesco Annibali

Related posts

Consigli enoici per divertirsi a Natale senza attentare al conto in banca – 4° parte

Eno

METODO CLASSICO ?, NO! METODO MARTINOTTI ?, NO!.. METOTO SCACCHI!!!

Eno

Rosticcerie, un altro approccio è possibile

Eno

Leave a Comment

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More