Image default
Ricette Secondi piatti

Stoccafisso all’anconetana

Stoccafisso all’anconetana

Ricetta per preparare lo stoccafisso all’Anconetana ricetta tradizionale della città Marchigiana di Ancona. L’arrivo dello stoccafisso, originario delle isole Lofoten, si deve ad un naufragio di una nave mercantile comandata da Pietro Querini che navigando le acque del mar del Nord , incappò in una tremenda tempesta. In seguito al disastro, nell’anno 1431, l’equipaggio fù accolto dalla popolazione locale, scambiando cosi amicizia e eterna gratitudine. Da allora Ancona divenne uno dei centri principali dove commerciare il pregiato pesce essiccato.

Ingredienti (per 4 persone)
1,5 kg di stoccafisso (battuto)

100 grammi di acciughe sotto sale
1,5 kg di patate
300 grammi di pomodorini pachino
½ cipolla
3 spicchi d’aglio
1 mazzetto di prezzemolo
1 rametto di rosmarino
20 grammi di capperi
30 grammi di olive nere
25 cl di vino bianco (preferibilmente secco)
50 cl di olio extravergine d’oliva

Esecuzione dello stoccafisso all’anconetana

Dopo aver bagnato lo stoccafisso, eliminare le lische del merluzzo e tagliarlo in piccoli pezzetti di circa 10 centimetri per ogni lato. Pelare e tagliare  le patate in grossi spicchi.

Per la salsa: tritare a coltello la cipolla, aglio, prezzemolo e rosmarino. Aggiungere capperi e acciughe dopo aver dissalato e spinato bene le acciughe, emulsionare con l’olio EVO.

Prendere una pentola capiente, disponete le patate, la salsa e lo stoccafisso in strati alternati. Infine, versare la salsa restante, aggiungere le olive snocciolate, i pomodorini e sfumare con il vino bianco. Mettere la pentola in cottura su fiamma bassa coprendo con un coperchio. Tempo necessario per la cottura ottimale è di circa un paio di ore abbondanti.

Un piccolo accorgimento ma importantissimo per la riuscita della ricetta, evitate di toccare o muovere il prodotto mentre cuoce.

VEDI ANCHE  Società cooperativa agricola Boccafosca

Stoccafisso all’anconetana: quale vino abbinare?

Sicuramente il miglior abbinamento è il bianco per eccellenza, cioè il Verdicchio dei Castelli di Jesi  che grazie alla sua intensità gusto aromatica e l’importante alcolicità si sposa al meglio con questo storico piatto.

Tempo fa abbiamo organizzato una bellissima cena a base di stoccafisso e abbinato al Verdicchio dell’azienda La Marche di San Michele di Cupramontana.

La ricetta è ormai parte tradizionale della città di Ancona e questo nel tempo ha fatto nascere l’accademia dello stoccafisso, che ogni anno celebra il miglior ristoratore, con un concorso di degustazione.

Accademia dello Stoccafisso all’Anconetana

Post simili

Prosciutto di Carpegna DOP

Fabio

Azienda vinicola famiglia Saputi

Fabio

Cantina di Cavalieri

Eno

Vino Offida Rosso DOCG

sergio

Cantina Le Corti dei Farfensi

Eno

Vernaccia Quacquarini Lanfranco

Fabio

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

X